Sei sul sito archeologico di Acquedotto Pugliese clicca sul logo in alto a sinistra per visitare il nuovo sito.









In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
L'acqua e il suo acquaiolo
L'acquaiolo era colui che, letteralmente, vendeva l'acqua per strada, tanto che alcuni pozzi erano gestiti solo dagli acquaioli "ambulanti". Riempiva i suoi barili e li disponeva a piramide su carrettini trainati da asinelli per portarli in giro per i paesi e le città ai clienti. Durante le soste , in attesa del rifornimento, stanchi della pausa o eccitati dalla presenza di una femmina, spesso i ciuchi litigavano e a pagarne le conseguenze erano i barili che si sfasciavano.
Intanto l'acquaiolo scaricava i barili negli orci di terracotta dei clienti. Il contenuto di ogni barile era chiamato viaggio e il loro numero era oggetto di liti frequenti fra clienti (per lo più le donne di casa) e acquaioli.
Onore dunque all'antenato dell'acquedotto.









Invia ad un amico
Stampa