Sei sul sito archeologico di Acquedotto Pugliese clicca sul logo in alto a sinistra per visitare il nuovo sito.









In primo piano

 

Lina Goccina
Una allegra passeggiata nel mondo dell'acquedotto

FontaninAPP
Scopri l'applicazione che ti porta dalle fontanine di Puglia

Nina la fontanina racconta
La storia di Pugliabella e del suo acquedotto




loghi_media    FacebookTwitterLinkedinYoutube
La scoperta dell'acqua
L'acqua è l'unica sostanza che sia presente in natura, simultaneamente e in quantità notevoli, nei tre distinti stati: gassoso, liquido e solido.
Questa particolarità dell'acqua fu compresa e messa bene in evidenza da Talete da Mileto circa 2500 anni or sono.
Per questa ed altre singolari proprietà, che sono elencate nella tab.1, lo studio dell'acqua ha condotto a scoperte scientifiche importanti e ci si è avvalsi dell'acqua per introdurre dei campioni o dei punti di riferimento nei lavori scientifici: ad esempio ci si riferisce al livello medio del mare, al peso specifico di un corpo relativo a quello unitario dell'acqua, alla calibrazione della scala Celsius della temperatura effettuata sulla base di punti di solidificazione o d'ebollizione dell'acqua.


Tab.1. Alcune singolari proprietà fisiche dell'acqua

Proprietà

Singolarità

Quantità

Tre volte maggiore di tutte le altre sostanze messe insieme, in uno spessore di 5 chilometri della crosta terrestre

Stato

Unica sostanza presente contemporaneamente in tutti e tre gli stati (gassoso, liquido, solido)

Potere solvente

Il più generale tra tutti i liquidi

Tensione superficiale

Fra le più alte tra i liquidi

Peso specifico

Massimo a 4 °C

Calore specifico

Il più elevato tra tutti i composti

Calore di fusione

Secondo solo all'ammoniaca, tra tutti i liquidi e tutti i solidi

Calore di evaporazione

Il più grande tra tutte le sostanze

Conducibilità termica

Seconda solo al mercurio tra tutti i liquidi

Costante dielettrica

La più alta tra i liquidi

Trasparenza

Assai elevata e quasi costante su tutto lo spettro visibile



La sintesi dell'acqua fu ottenuta per la prima volta da H. Cavendish (1731-1810). Nel 1781 egli dette fuoco ad una miscela di "aria infiammabile" (idrogeno) ed aria comune (contenente ossigeno): ne ottenne un'esplosione e la formazione di goccioline di un liquido che immediatamente identificò come acqua. Sulla base delle leggi di J. Dalton (1766-1844) per gli atomi, J.L. Gay-Lussac (1778-1850) determinò per primo sperimentalmente in modo assai ben approssimato la formula chimica dell'acqua, che A. Avogadro di Quaregna (1776-1856) correttamente propose nel 1811 come H2O. Fu soltanto nel 1904, tuttavia, che H.C. Urey (n. 1893) scoprì un isotopo dell'idrogeno, detto idrogeno pesante (deuterio) D e l'acqua pesante D2O che fu separata per la prima volta dall'acqua normale nel 1932 da G.N. Lewis (1875-1946). Seguì quindi la scoperta di idrogeno ancor più pesante (trizio) T e dell'acqua T2O.

Successivamente numerosi sono stati gli studi dedicati all'interazione delle molecole dell'acqua nei tre stati in cui si presenta. Tuttavia, nonostante i numerosi tentativi ed i continui sforzi compiuti dagli scienziati, la comprensione della struttura e delle proprietà dell'acqua non è ancor oggi completa.

Enciclopedia del Novecento - Ven Te Chow - Edito dall'Istituto dell'Enciclopedia Italiana - Treccani


Invia ad un amico
Stampa